SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Ambiente

29-09-2021

Cassazione penale, requisiti della delega di funzioni in materia ambientale

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 32861 del 6 settembre 2021, si è pronunciata sui requisiti della delega in materia ambientale per attribuirsi rilevanza penale.

In materia ambientale, per attribuirsi rilevanza penale all’istituto della delega di funzioni, è necessaria la compresenza di precisi requisiti:

  1. la delega deve essere puntuale ed espressa, con esclusione in capo al delegante di poteri residuali di tipo discrezionale;
  2. il delegato deve essere tecnicamente idoneo e professionalmente qualificato per lo svolgimento del compito affidatogli;
  3. il trasferimento delle funzioni delegate deve essere giustificato in base alle dimensioni dell’impresa o, quantomeno, alle esigenze organizzative della stessa;
  4. la delega deve riguardare non solo le funzioni ma anche i correlativi poteri decisionali e di spesa;
  5. l’esistenza della delega deve essere giudizialmente provata in modo certo.

Secondo la Corte, l'impostazione seguita nella sentenza impugnata deve essere ritenuta legittima, in quanto la mancanza di poteri decisionali e di spesa in capo al delegato non consente di attribuire alla delega rilasciata valore esimente rispetto alla responsabilità concorrente del delegante, il quale, in forza della sua posizione di garanzia, conservava dunque i suoi doveri di controllo sull'operato dei propri collaboratori sugli aspetti legati alla gestione dell'impianto, a ciò dovendosi solo aggiungere che, ai fini della configurabilità sotto il profilo soggettivo del reato contestato, avente natura contravvenzionale, è sufficiente anche la colpa.

Nel caso di specie, trattasi di inosservanza delle prescrizioni dell'Aia rilasciata in favore del gestore dell'impianto di trattamento di rifiuti liquidi, stante la non conformità dello scarico nel corpo idrico superficiale, relativamente al parametro dell'azoto nitrico, risultato pari a 37 mg/I, a fronte di un valore massimo consentito di 20 mg/I.


♦ Vai alla Sezione Consulenza Area AMBIENTE…>> [Sistemi di Gestione ISO 14001 – EMAS; Sistemi di sostenibilità (ISCC-EU, D.M. 14/11/2019) dei biocarburanti (oli vegetali esausti), Modelli di organizzazione e gestione ex D.Lgs 231/2001, Certificazione di prodotto Remade in Italy®, Marchi di qualità ecologica Ecolabel – EPD,…]

♦ Vai alla Sezione Consulenza Area QUALITÀ…>> (Sistemi di Gestione ISO 9001 - Carta dei Servizi,…)

♦ Vai alla Sezione Consulenza Area SICUREZZA...>> nei luoghi di lavoro (Sistemi di Gestione ISO 45001 - Modelli di organizzazione e gestione ex D.Lgs 231/2001,…)

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it