SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

29-05-2019

Terre e rocce da scavo, linee guida utilizzo approvate dal Snpa

Il Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente (SNPA), con la Delibera n. 54/2019 del 09/05/2019, ha approvato le "Linee guida sull'applicazione della disciplina per l'utilizzo delle terre e rocce da scavo".

Le Linee guida, pubblicate sul sito del SNPA il 27/05/2019, forniscono importanti chiarimenti sulla normativa di settore costituendo un manuale che aiuta a sciogliere alcuni dubbi interpretativi della normativa, che già con il DPR del 13 giugno 2017, n. 120 (che reca disposizioni di riordino e di semplificazione della disciplina inerente la gestione delle terre e rocce da scavo) aveva compiuto notevoli passi avanti. 

Fra le novità più significative, segnala il SNPA, l’affermazione dell’impostazione adottata da Arpa Liguria nel territorio regionale circa il fondo naturale per l’amianto, che non prevede la determinazione numerica di un valore, ma introduce il concetto di “compatibilità geologica”. Inoltre sono state chiarite, soprattutto nell’ambito dei cantieri di piccole dimensioni, alcune incertezze: adesso sul tema Snpa ha un approccio unitario, riassunto nelle sessanta pagine della linea guida.

Le Linee guida sono finalizzate ad assicurare l’armonizzazione, l’efficacia, l’efficienza e l’omogeneità dei sistemi di controllo e della loro gestione nel territorio nazionale, nonché il continuo aggiornamento, in coerenza con il quadro normativo nazionale e sovranazionale, delle modalità operative del SNPA  e delle attività degli altri soggetti tecnici operanti nella materia ambientale.

In particolare, le Linee guida dopo l'inquadramento normativo, trattano:

  • requisiti di qualità ambientale per l’utilizzo delle terre e rocce da scavo come sottoprodotti;
  • terre e rocce da scavo prodotte nei siti oggetto di bonifica;
  • utilizzo nel sito di produzione delle terre e rocce escluse dalla disciplina dei rifiuti ai sensi dell’art. 24 del D.P.R. 120/2017;
  • la normale pratica industriale;
  • le matrici materiali di riporto;
  • documento di trasporto;
  • piano di utilizzo, dichiarazione di utilizzo e di avvenuto utilizzo;
  • definizione di criteri comuni per la programmazione annuale delle ispezioni, dei controlli, dei prelievi e delle verifiche da parte delle agenzie regionali e provinciali;
  • definizione di criteri e metodologie comuni per le verifiche tecniche ed amministrative finalizzate alla validazione preliminare del put.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it