SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI
Ambiente Qualità Sicurezza
Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 
Formazione
Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
assistenza finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza e realizzazione progetti  
SERVIZI ON-LINE
Servizi on-line
Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

13-05-2019

Albo Gestori Ambientali, Circolare sul trasporto transfrontaliero rifiuti

Il Comitato Nazionale Albo Gestori Ambientali ha emanato la Circolare n. 5 del 9 maggio 2019 recante "Applicazione disposizioni delibera n. 3 del 13 luglio 2016, iscrizione in categoria 6", che fornisce dei chiarimenti in merito alla documentazione necessaria per l’iscrizione all’Albo nella categoria 6 (imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti).

Il Comitato, in seguito al confronto con le rappresentanze diplomatiche della Confederazione Svizzera, chiarisce che per i trasporti transfrontalieri di rifiuti l'autorizzazione rilasciata da Autorità Svizzera è equipollente alla licenza comunitaria.

Difatti, ai sensi del D.M. n. 120/2014, per la dimostrazione del requisito di cui all’art. 15, comma 4, lett. c), le imprese che intendono effettuare esclusivamente attività di trasporto transfrontaliero di rifiuti su strada sono tenute ad allegare, tra l'altro, l'“attestazione del possesso della licenza comunitaria o dell’autorizzazione internazionale all’autotrasporto di merci ove previste”.

A tal riguardo, l’Albo ha osservato che “sussiste una sostanziale equipollenza tra la licenza comunitaria e l’autorizzazione rilasciata dalla Confederazione Svizzera per quanto riguarda i trasporti bilaterali su strada in transito sui territori della Comunità Europea e della Svizzera“, aggiungendo che la concessione di tale autorizzazione è subordinata a “procedure di rilascio, uso e rinnovo equivalenti a quelle previste dal Regolamento CE 1072/2009“.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it