SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI
Ambiente Qualità Sicurezza
Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 
Formazione
Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
assistenza finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza e realizzazione progetti  
SERVIZI ON-LINE
Servizi on-line
Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

07-03-2019

Albo Gestori Ambientali, chiarimenti sui requisiti per l'iscrizione

Con Circolare del 7 marzo 2019, l'Albo Gestori Ambientali fornisce chiarimenti sulla valutazione del requisito morale del soggetto ai fini dell'iscrizione all'Albo.

In particolare, alcune Sezioni regionali hanno chiesto un parere sull'applicazione dell’art. 10 del D.M. 120/2014 (Regolamento dell’Albo Gestori), che tra i requisiti per l'iscrizione prevede che il titolare o legale rappresentante dell’impresa non sia stato condannato alla pena detentiva per reati previsti dalle norme a tutela dell’ambiente, incluse le norme a tutela della salute, le norme in materia edilizia e in materia urbanistica, e che non sia stato condannato alla reclusione per un tempo superiore ad un anno per delitti non colposi.

A tal riguardo, il Comitato ha fornito chiarimenti su due quesiti:

  1. nel caso il soggetto abbia riportato condanne per lo stesso reato, in tempi diversi, con pene – per ogni condanna – pari o inferiori ad un anno di reclusione, se è stata applicata la disciplina del reato continuato (art. 671 codice di procedura penale e art. 81 codice penale) le pene, unificate dal vincolo della continuazione, possono superare il limite di un anno: secondo il Comitato Nazionale dell’Albo, la pena dovrà essere “valutata unitariamente anche ai fini della eventuale perdita del requisito morale“.
  2. l'esito positivo della "messa alla prova" (ex artt. 168-bis e 168-ter codice penale), non essendo ravvisabile nella fattispecie alcuna sentenza di condanna, non potrà avere influenza sul requisito morale.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it