SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



 News / Giurisprudenza / Rifiuti

05-10-2020

Cassazione penale, deposito incontrollato rifiuti e particolare tenuità del fatto

La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 25983 del 15 settembre 2020, si è pronunciata sulla causa di esclusione della punibilità, ex art 131-bis c.p., nella fattispecie di deposito incontrollato di rifiuti.

In tema di deposito incontrollato di rifiuti, ai fini del riconoscimento della causa di esclusione della punibilità di cui all'art. 131-bis cod. pen. non è sufficiente il riferimento al solo quantitativo di rifiuti depositato, ma deve valutarsi l'effettivo pericolo di danno all'ambiente o la sua compromissione in concreto conseguente alla specifica condotta.

Nel caso di specie, la sentenza impugnata ha riconosciuto la "non particolare gravità del fatto", ma al contempo ha escluso l'applicazione della causa di non punibilità in ragione della quantità e dimensioni dei rifiuti, oltre all'assenza di elementi per ritenere la condotta occasionale.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it