SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Toscana

16-11-2020

Toscana, gestione rifiuti in deroga per emergenza Covid-19

Ordinanza 14 novembre 2020, n. 110 "Ordinanza del Presidente della Giunta regionale ai sensi dell’art. 191 del D.lgs. 152/2006 - Emergenza epidemiologica da COVID-19, misure per la gestione dei rifiuti".

L'Ordinanza 110/2020, nel rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione incendi e delle disposizioni in materia di elaborazione dei Piani di emergenza, dispone per gli impianti di stoccaggio la gestione dei rifiuti in deroga autorizzati ex art. 208 e art. 29 sexies (Aia) del D.lgs. 152/06, nonché in procedura semplificata ex artt. artt. 214 e 216 del D.lgs. 152/06.

In particolare, tra le disposizioni in deroga:

Impianti che effettuano operazioni di stoccaggio

Gli impianti di stoccaggio già autorizzati alle operazioni di gestione dei rifiuti D15 (Deposito preliminare) e R13 (Messa in riserva), limitatamente ai rifiuti non pericolosi provenienti dal territorio regionale, possono:

  1. aumentare la capacità di stoccaggio istantanea, nel limite massimo del 20%;
  2. aumentare la capacità di stoccaggio istantanea oltre il 20%, e fino ad un massimo del 50%;
  3. modificare l'attività R13 a D15 o viceversa;
  4. inserire rifiuti non pericolosi diversi da quelli autorizzati, limitatamente ai gestori che svolgono attività di servizio pubblico, o in tutte le situazioni in cui non sia più possibile rispettare i limiti del deposito temporaneo;
  5. modificare tempi e modalità dello stoccaggio.

La disposizione si applica anche ai titolari delle operazioni di recupero comunicate, ex artt. 214 e 216 del D.lgs. 152/06, ferme restando le "quantità massime" fissate dall'allegato IV del DM 5 febbraio 1998.

Per avvalersi delle suddette deroghe, i titolari degli impianti devono inviare la comunicazione tramite PEC compilando l'allegato Modulo A - "Comunicazione per impianti che effettuano operazioni di stoccaggio".

L'ordinanza inoltre prevede disposizioni in deroga anche per le discariche - per garantire la chiusura del ciclo di gestione dei rifiuti urbani e della filiera di recupero dei rifiuti speciali - e i centri di raccolta, al fine di consentire lo stoccaggio di rifiuti EER 200301 da rifiuti provenienti da abitazioni di soggetti positivi e/o dalle strutture socio-sanitarie residenziali e/o dagli alberghi sanitari/assistenziali.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it