SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Emilia-Romagna

10-12-2019

Emilia-Romagna, proroga obbligo di registrazione al Catasto regionale degli impianti termici

Regione Emilia-Romagna - Regolamento regionale 20 novembre 2019, n. 7 recante "Schema di modifica del Regolamento 3 aprile 2017, n. 1 recante "Attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 25-quater della l.r. 23 dicembre 2004, n. 26 e s.m.i. in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari".

Il regolamento approva le seguenti modifiche al Regolamento regionale 3 aprile 2017, n. 1, che disciplina in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici:

  • proroga della scadenza, prevista alla lettera b) dell’articolo 5, comma 5 del R.R. 03/04/2017, n. 1, dell'obbligo (31 dicembre 2019) fino al 30 giugno 2020 per effettuare la registrazione dell’impianto, in modo da consentire l’utilizzo di tutta la stagione termica 2019/2020;
  • abolizione dell’articolo 22, comma 2 del R.R. 03/04/2017, n. 1 per non procrastinare, in relazione alla suddetta proroga, anche gli obblighi di comunicazione sugli impianti forniti in capo ai distributori di combustibile;
  • abolizione dell’articolo 27, comma 4 del R.R. 03/04/2017, n. 1 per non procrastinare anche gli obblighi in capo ai manutentori, e la sua sostituzione con il nuovo testo che consente di non applicare la sanzione prevista per la mancata (o errata o incompleta) registrazione del libretto di impianto entro la scadenza prevista dall’art. 5 comma 5 lett. b), qualora tale omissione venga regolarizzata entro 180 giorni da tale scadenza.

In relazione alla registrazione dell’impianto, si ricorda che:

  • è obbligatoria, l’eventuale inadempienza comporta l’applicazione della sanzione amministrativa da 500 euro a 3.000 euro a carico del responsabile dell’impianto;
  • per effettuarla è necessario rivolgersi al tecnico manutentore, che provvede anche a “targare” l’impianto mediante rilascio di un codice identificativo univoco.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it